DIVINA FUORI CLASSE

PREMI QUI PER ORDINARE IL LIBRO

Carissimi lettori,

Finalmente "Divina fuori classe" esce online con il suo primo volume: PRIMA TAPPA - INFERNO. Sono orgogliosa di questo risultato, perché si tratta del un felice coronamento di un grande lavoro di scrittura e di pittura nato nell'estate del 2018, quando mi sono ritrovata in una delle mie fasi creative più intense.

Dante Alighieri, classe 1300 o giù di lì, è  uno degli autori che preferisco in assoluto. Se la gioca con Shakespeare, E. M. Forster e Kazuo Ishiguro, anche se lui tiene sempre un posto speciale nel miocardio. La sua Divina Commedia è un'opera straordinaria, completa, densa di simboli, allegorie e misteri, come piace a me ovviamente; i suoi versi sono geniali, efficaci e spiazzanti al tempo stesso. Come piace a me. Ovviamente.

Posso dire senza spocchia che studio questa opera ormai da 25 anni e ancora mi sorprende come fossi una liceale alle prime armi. Ma negli ultimi tempi, dopo averla proposta a turbe di studenti del triennio superiore, con esiti comunque sempre positivi, mi sono resa conto che avevo voglia di dire la mia. Ma non con il solito saggio pretenzioso, magniloquente, spruzzato qua e là di intenti "didattichesi" che non si attagliano agli studenti dei vari ordini e gradi di scuola. Invece con parole semplici, attuali, adatte a un pubblico eterogeneo che desidera sapere e comprendere, ma senza annoiarsi a morte. Soprattutto se penso alla nuova "generazione 20 parole" la quale ha ormai un lessico talmente ristretto da poter essere scritto tutto sul palmo di una mano.

Quindi ho preso terzina per terzina e l'ho raccontata in prosa, solo in pochi casi prendendomi piccole licenze sulla trama, esclusivamente per dare più corpo al protagonista, un Dante smarrito, perplesso e preoccupatissimo. L'ironia e la comicità si alternano a momenti di maggior serietà, che tuttavia non è mai troppa, perché non si esuli troppo dallo scanzonato stile di fondo.

Ho anche alternato un po' gli stili, per mantenere, almeno alla lontana, il plurilinguismo che era già dell'autore originario: l'avvicendamento più eclatante è stato quello con le scene teatrali, che ben si prestano a dipanare alcuni dialoghi tra il pellegrino e le anime, come, del resto, era già nelle intenzioni dell'Alighieri, che introduce nella prima cantica quelle che, a ben vedere, sono proprio due sacre rappresentazioni.

LE PARTICOLARITA'

La vera particolarità sono però delle piccole parentesi che ho inserito per raccontare la mia vita scolastica, quando anche io mi sono trovata alle prese con la Divina Commedia. Ero al liceo classico della mia città, e avevo un professore bravissimo, molto preparato che me l'ha fatta amare (e si vede quanto!) Qui l'ho ribattezzato "il mio prof ingessato", perché in effetti indossava sempre giacca e cravatta che gli conferivano un'aria serissima, anche se poi era un gran simpaticone, con una vena ironica che adoravo. A parte la giacca e la cravatta, il resto è tutto inventato, anche i compagni (non c'era nessun Scodella e nessuna Monaca) e i disegnini. Quelli li facevo io sul diario. Ma credo che il prof sarebbe stato capacissimo pure lui, visto che è anche un ottimo pittore. A lui ho dedicato l'opera e spero tanto che la apprezzi.

E poi ci sono le mie illustrazioni, di cui vi do qui un piccolo assaggio.

CHI PUO' LEGGERLO?

Tutti, naturalmente. Se si è studenti, ancora meglio.

DOVE SI PUO' TROVARE?

Per il momento il libro è in vendita solo su Amazon, sia in formato kindle/e-book sia in formato cartaceo, e lo si può ordinare premendo QUI. Si può acquistare anche con la carta del docente.

Il progetto proseguirà con la prossima cantica (il Purgatorio), se ci sarà apprezzamento per la prima. Quindi, se vi è piaciuto, consigliatelo e datemi feedback in mail, così sarò lieta di procedere sapendo di essere sulla strada giusta! Grazie!

PREMI QUI PER ORDINARE IL LIBRO

e qui puoi vedere il mini

VIDEO DI PRESENTAZIONE

 

I commenti sono chiusi